Tor Marancia - Flo' in viaggio

A Tor Marancia alla scoperta della street art

Una passeggiata a Tor Marancia alla scoperta di una galleria d’arte a cielo aperto.

Come il resto del mondo, anche Roma è diventata una tela dove artisti locali e internazionali realizzano opere di street art. I quartieri interessati sono ex quartieri industriali o vecchie borgate romane come Tor Marancia, Tor Pignattara… La street art viene usata quindi come opera di riqualifica urbana. La cosa non mi dispiace affatto, perché oltre a rendere la città più colorata, le opere spesso raffigurano caratteristiche e l’identità stessa del quartiere che le ospita.

Questo significa che per realizzare un opera, l’artista entra in contatto e interagisce con gli abitanti del quartiere. E’ il caso di Tor Marancia dove, nel 2015 grazie al progetto Big city life ideato da 999contemporary, 20 artisti hanno ridato vita a 11 palazzine di un comprensorio popolare con le loro opere di street art (via Tor Marancia 63). Pensate che sono state usate oltre 70 litri di vernice e quasi 1000 bombolette spray!

Tor Marancia - Flo' in viaggio

 

I murales sono no più bello degli altro, non saprei dirvi quale sia il mio preferito, ma ognuno di essi ha un riferimento alla storia romana o alla comunità del quartiere. C’è per esempio il murales “Elisabetta”, dove la mano raffigurata è quella della signora Elisabetta del secondo piano residente in quella palazzina. Il “Bambino redentore” racconta la storia di Luca, bambino nato in quel palazzo e morto in quel comprensorio mentre giocava a calcio. O come il murale “Veni Vidi Vinci” che ricorda la triste storia di Andrea Vinci che per un tuffo dagli scogli perse l’uso di entrambe le gambe.

Tor Marancia - Flo' in viaggio
Il bambino redentore

Poichè Tor Marancia è collocata in una zona infossata era spesso soggetta ad allagamenti. Ciò le conferì l’appellativo di Shanghai. Da qui i murales “Santa Maria di Shangai”, “Diamond” e  “Welcome to Shangai”

Tor Marancia - Flo' in viaggio
“Diamond”: il drago fa riferimento alla città di Shangai

 

Tor Marancia - Flo' in viaggio

 

Passeggiare in quel comprensorio è come camminare in una galleria d’arte a cielo aperto in effetti. Ci ho impiegato un’oretta per vedere tutti i murales e leggermi la spiegazione (trovata su internet). Tor Marancia non è l’unico quartiere in cui è possibile trovare la street art. Quartieri limitrofi come il Quadraro, Tor Pignattara, Ostiense e Testaccio pullulano di splendide opere. E io non vedo l’ora di vederli tutti!

Tor Marancia - Flo' in viaggio

 

E’ possibile fare un bel tour tramite l’applicazione Street Art Roma, dove sono segnate tutte le vie in cui si trovano le opere.  😀  Oppure potete affidarvi a dei tour organizzati come quelli offerti da M.U.Ro, altro progetto di museo a cielo aperto. 😉

Sicuramente questa è un’ottima idea per passare una domenica alternativa 😀
E voi? Siete mai stati a Tor Marancia? Avete un murales preferito?!

leggi anche: Instameet Roma: la Roma dei poeti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.